Adriano Olivetti: la forza di un sogno

SINOSSI

Adriano ha solo undici anni quando entra per la prima volta nell’azienda di famiglia. Alla morte del padre, dopo la Seconda Guerra Mondiale diventa il leader della Olivetti. La sua guida innovativa e ispirata destabilizza operai e sindacalisti, soci e imprenditori avversari. L’andamento degli affari è più che positivo.

La Lettera 22 diventa un simbolo dell’Italia nel mondo ed è esposta al MoMA di New York. I contrasti in famiglia crescono fino a che viene costretto a lasciare la guida dell’azienda al fratello minore. Fuori dalla fabbrica Adriano si dedica alla costituzione delle comunità, piccoli centri rurali di solidarietà e produzione etica.

La scomparsa prematura del fratello lo costringe a riprendere le redini dell’azienda. Con Grazia al suo fianco, la giovanissima moglie, Adriano affronta il tradimento di Mauro, l’amico di sempre. Contro ogni parere, Adriano apre una fabbrica a Pozzuoli, nel sud depresso e bisognoso di lavoro. Ma l’odio dei nemici cresce, e l’Olivetti conosce momenti di difficoltà.

Mentre l’innovativo progetto del primo calcolatore è già molto avanti, Adriano tratta l’acquisto dell’Underwood, società americana leader nel mercato delle macchine da scrivere. L’affare è già siglato quando si scopre trattarsi di una trappola. Ma improvvisamente Adriano muore, non riuscendo ad assistere alle fasi di ripresa della sua azienda e alla crescita della piccola amatissima Laura, la figlia nata dopo il matrimonio con Grazia.

RASSEGNA STAMPA

 

Crediti non contrattuali

FOTO

SCHEDA

Interpreti Luca Zingaretti
Massimo Poggio
Stefania Rocca
Francesca Cavallin
Elena Radonicich
Francesco Pannofino
Serena Rossi
Gerardo Mastrodomenico
Domenico Diele
Produzione Casanova Multimedia
Rai Fiction
Telecom Italia
Pirelli (collaborazione)
Torino Film Commission (sostegno)
Fondazione Adriano Olivetti (collaborazione)
Prodotto da Luca Barbareschi
Produzione Rai Marta Aceto
Walter Ingrassia
Regia Michele Soavi
Produzione esecutiva Claudio Gaeta
Produzione creativa Saverio D'Ercole
Gladis Di Pietro
Soggetto e sceneggiatura Franco Bernini
Silvia Napolitano
Michele Soavi
Fotografia Stefano Ricciotti
Musiche Paolo Vivaldi
Scenografia Nello Giorgetti
Costumi Monica Simenone
Enrica Barbano
Post Produzione Daniele Tomassetti
Aiuto regia Giuseppe Curti
Casting Loredana Scaramella
Stefano Oddi
Credits