I personaggi di Nero Wolfe: Spartaco Lanzetta

SPARTACO LANZETTA (Michele La Ginestra)

Romano della Garbatella, rappresenta una risorsa in più per le indagini perché riesce a collegare Wolfe e Goodwin al sottobosco della capitale, fatto di bische, piccola criminalità, bar malfamati e avvolti dalla clandestinità. Offre i suoi servizi come occasionale informatore e pedinatore; grande appassionato di pugilato, scommesse e panini giganti. All’italiano sostituisce volentieri l’idioma natio, non disdegna le raffinate preparazioni dell’alta cucina di Laghi, ma finisce per preferirgli i piatti della tradizione casereccia, per intenderci, quelli della sua mamma, le cui ricette offre con entusiamo a Wolfe. Con il solo esito di attirarsi sguardi sdegnati e fiammeggianti.

Cosa dicono di lui?

Nero Wolfe: lo sguinzaglia in posti dove non manderebbe nemmeno Archie e lo osserva come un animaletto bizzarro, che non distingue l’alta cucina da un panino con la porchetta e un fiore di plastica da una rarissima orchidea tropicale. A suo modo arriva ad “affezionarsi” a questa creatura volenterosa… basta che non si avvicini troppo!
Archie Goodwin: lo trova rilassante; facilone, maneggione e scanzonato com’è, Lanzetta è l’esatta antitesi di Wolfe e per Archie rappresenta una pausa di normalità dalle nevrosi e incomprensibili picchi di genialità del suo capo.
La Polizia: non si è mai interessata troppo a questo trafficone di borgata fino al momento in cui (inspiegabilmente a loro parere!) il grande Nero Wolfe lo ha assunto alle sue dipendenze. Da quel momento vedere Lanzetta significa sentire puzza di Wolfe…

Nero Wolfe: la serie

Credits